DETTAGLI DIMENTICATI?

CREA ACCOUNT

TOP 5 CANNABIS LIGHT

Cannatonic by King's Garden

TOP 5 CANNABIS LIGHT

TOP 5 CANNABIS LIGHT

In questo articolo vi presenteremo, quelle che per noi sono le cinque migliori infiorescenze di Cannabis light disponibili in vendita sul mercato italiano, la nostra costante ricerca dei growers più esperti ci ha permesso di selezionare accuratamente solo il meglio del meglio della marijuana legale con THC inferiore ai limiti di legge, a seguire la nostra classifica:

 

1. GORILLA CBD

Cime dure come sassi e la quantità mostruosa di resina regalano a questo fiore uno dei nomi più  celebri e ricercati del mondo della cannabis, questa varietà ha un forte sapore di pino, con un aroma di agrumi che dona un buon sapore fruttato, in secondo piano, sfumature chimiche simili al gasolio, ereditate dalla Chocolate Diesel.

La qualità che contraddistingue questo Strain di cannabis light è proprio il fatto che osservandola e assaporandola vi accorgerete che GORILLA CBD non ha assolutamente nulla da invidiare alle migliori genetiche Californiane di Cannabis del momento, ovviamente a parte il THC :).

L’assurda somiglianza di aspetto, sapore e profumo alla marijuana con alto contenuto di THC conferisce alla GORILLA CBD la pole position della nostra classifica, la qualità della cannabis light è in continua crescita e questa novità del 2019, ha già vinto tutto.

 

2. CANNATONIC

King’s Garden presenta un vero gioiello della cannabis light, massicce gemme ricoperte di tricomi e resina luccicante, Cannatonic by King's Gardencontraddistinguono questa incredibile infiorescenza di cannabis.

E’ difficile contestare la reputazione che Cannatonic si è costruita in questi anni e poichè, molti coltivatori utilizzano questa genetica, noi abbiamo ricercato unicamente il miglior fiore prodotto dal grower più esperto.

Un’esplosione di sapore vi avvolgerà il palato, note incredibilmente fruttate con predominanza di succosa mela verde equilibrate da una sfumatura di limone aciudulo, Cannatotonic vi lascerà piacevolmente sorpresi!

 

3. STRAWBERRY

Gemme compatissime con sfumature tendenti al violaceo e uno squisito aroma di fragola e golosi frutti di bosco, Cannabis Lightportano questo vero e proprio capolavoro della cannabis light dritto in 3° posizione.

Genetica ormai stabile e coltivata da molti grower per la sua qualità e resa abbondante, Strawberry si è fatta strada in tantissimi cannabis shop in Lombardia e sul territorio italiano grazie al suo alto contenuto di CBD, il suo inconfondibile aroma e la sua straordinaria bellezza.

Strawberry essendo tra le varietà pioniere della cannabis light è una vera sicurezza, per tanto la responsabilità maggiore, ricade sul coltivatore, meticolosamente scelto per un risultato ottimale.

 

4. LEMON SKUNK

Lemon Skunk racchiude un connubio di sapori squisiti, inizialmente una nota più pronunciata e complessa vi farà LEMON SKUNK (CBD < 18%)riassaporare l’old school Skunk e a seguire, delicate sfumature di citronella, limone e arancia manderanno in estasi le vostre papille gustative.

I fiori si prentano piuttosto ariosi ma con una notevole quantità di resina cristallina e tricomi.

Estraendo i fiori di Lemon Skunk dal barattolo potremo godere di aromi davvero meravigliosi, l’aria sarà inondata da profumi di limone, bacche e vaniglia.

Lemon Skunk, con il suo aroma pungente ed unico, è una novità molto interessante nel mondo della cannabis light!

 

5. AMNESIA CBD

Genetica dal sapore avvolgente e dall’aroma pieno, note dolci in contrasto con toni terrosi e note fresche di cipresso.AMNESIA

Enormi gemme apicali presentano pistilli lunghi e dal colore arancione che spiccano dai riflessi bianchi, dovuti all’alta produzione di tricomi e resina. Il fiore è estremamente resinoso e molto compatto, profumo molto complesso.

Subito avvertiamo un deciso aroma di caramello che lascia un finale di anice e spezie pepate.

L’unione dei suoi profumi e la considerevole quantità di CBD contenuta aggiudicano ad AMNESIA CBD sicuramente un posto nella nostra TOP 5!!

 

 

 

King’s Garden Cannabis shop Desio (MB), via XXV aprile n°26

Vendita Cannabis light online

Headshop italia online

Vendita vaporizatori per erbe e tabacco online

 

 

 

 

King's Garden Desio - OLIO ESSENZIALE di Canapa sativa.

King’s Garden – OLIO ESSENZIALE di Canapa sativa.

King's Garden Desio - OLIO ESSENZIALE di Canapa sativa.King’s Garden – OLIO ESSENZIALE di Canapa sativa, poichè

negli ultimi anni stiamo assistendo ad una crescita esponenziale dell’industria della cannabis e sono migliaia i suo derivati sul mercato italiano.

L’olio essenziale di canapa sativa,totalmente biologico e prodotto completamente in Italia, viene ottenuto dalla distillazione in corrente di vapore della pianta integra a temperature inferiori agli 85°C poichè, questo processo e la naturale composizione terpenica del prodotto garantiscano una purezza del 99.9%.

 

Analisi da Laboratorio Controllo Qualità

La totale assenza di THC(principio psicoattivo della cannabis), metalli pesanti, conservanti, coloranti e esaltatori di sapidità e aroma, rendono l’olio un’assoluta innovazione, idoneo all’uso alimentare, cosmetico, nutraceutico, farmaceutico e ovviamente come profumazione di ambienti.

 

Purezza e Versatilità

La sua altissima concentrazione di terpeni e flavonoidi permette di aromatizzare con 1 sola goccia di olio essenziale ben 100g/100ml di qualsiasi prodotto si voglia creare, questa proprietà dona all’olio un incredibile versatilità nel campo alimentare, cosa più importante, potrete usarlo per dare un tocco originale ai vostri cocktail, aromatizzare birre, preparare gelati dal sapore unico.
L’olio essenziale di canapa sativa lascia spazio alla creatività per la preparazione di qualsiasi alimento o bevanda!!
Grazie ai suoi terpeni ad attività antibatterica e agli acidi grasi essenziali contenuti, può essere impiegato con ampio spettro nel campo della cosmesi.
Addizionato a lozioni alcoliche (profumi ecc,ecc..) e grasse (creme ecc, ecc..) per viso, corpo e capelli.
Potete trovare l’olio essenziale sul nostro sito online, nella sezione: https://kingsgardenstore.it/shop-online/
Presso i nostri store King’s Garden a Desio (MB) via XXV aprile 26, oppure a Cusano Milanino (MI) via Seveso 1.
King's Garden arriva a Cusano Milanino

King’s Garden arriva a Cusano Milanino

King's Garden arriva a Cusano MilaninoKing’s Garden arriva a Cusano Milanino, siamo lieti di comunicare, che dal 1° marzo 2019 saremo aperti anche a Cusano Milanino (MI), in via Seveso 1.

Daniele vi aspetta con la stessa qualità, convenienza e professionalità che ci ha contraddistinti sino ad ora, i migliori strain di cannabis light disponibili oggi sul mercato italiano, con tutti i suoi derivati: olio CBD, tè e tisane, alimenti e bevande.

Headshop fornito con una vasta gamma di articoli per fumatori, tra cui: vaporizzatori portatili, bong, cyloom, filtri e cartine per tutti i gusti e tutte le tasche.

Growshop, tutto l’occorrente per la coltivazione outdoor ed indoor: semi da collezione, concimi delle migliori marche specializzate, terriccio, illuminazione e grow box.

“Da King’s Garden la marijuana è più buona!”

King's Garden arriva a Cusano Milanino

Daniele vi aspetta a King’s Garden Cusano con i seguenti orari:

Lunedi mattina chiuso – 15.30 / 19.30
Martedì 10.00 / 13.00 – 15.30 / 19.30
Mercoledì 10.00 / 13.00 – 15.30 / 19.30
Giovedì 10.00 / 13.00 – 15.30 / 19.30
Venerdì 10.00 / 13.00 – 15.30 / 19.30
Sabato 10.00 / 13.00 – 15.30 / 19.30
Domenica chiuso King's Garden arriva a Cusano Milanino

Contatti King’s Garden Cusano Milanino

 

Indirizzo:                                                                    Telefono:

Cusano Milanino (MI),                                            Daniele: +39 340 591 2281

via Seveso, 1.

 

Germinazione Canapa

Germinazione canapa

Germinazione Canapa

Germinazione Canapa

I semi. Uno dei regali più belli che la natura ci abbia mai fatto! E’ incredibile come da una cosa così piccola possiamo ottenere alimento, rifugio e persino medicina. Perciò, riteniamo logico assicurarci che le possibilità che i nostri semi riescano a sopravvivere siano davvero numerose. In questo post, Light Addict ci racconta come far germogliare i nostri semi di canapa con successo.Germinazione della canapa

Detto ciò, parliamo di come il compost tea può agire come inoculante naturale per evitare l’apparizione di batteri e di patogeni indesiderati durante germinazione. Per farlo, bisogna introdurre batteri benefici e funghi micorriza nel processo tramite l’uso del compost tea, sia durante l’idratazione dei plug, dischetti di torba… che durante il bagno del substrato di coltura subito dopo la germinazione. Questi batteri benefici e funghi micorriza si stabiliscono nella zona radicale e sviluppano un rapporto simbiotico con le radici delle piante di cannabis, migliorando non solo l’assunzione di nutrienti/d’acqua, ma anche la salute e la resistenza della pianta in generale.

L’ambiente

Per far germogliare i semi di canapa, ci vuole soltanto avere i seguenti aspetti dell’ambiente sotto controllo:

  • L’umidità
  • La temperatura
  • La luce

Allora, perché si parla di tantissimi metodi di germinazione? Semplicemente perché ci sono molti modi di soddisfare questi 3 bisogni basici.

In tal caso, tenendo in considerazione queste disposizioni fondamentali, quali sono i margini ideali per far germogliare i nostri semi di cannabis senza subire nessun problema? Riguardo all’umidità, ci vuole un livello medio, senza mai arrivare a bagnarli in eccesso (tranne nel caso della germinazione in acqua). La temperatura, invece, dovrebbe oscillare fra 23-26ºC/75-80ºF. E, finalmente, la luce. In quest’occasione non è necessaria la totale privazione di luce. Eppure, essendo talmente facile da ottenere, è ciò che quasi tutti facciamo.

Se questi 3 requisiti rimangono costanti, le probabilità di successo aumentano considerevolmente.

Metodi diversi per far germogliare i semi di marijuana

La carta assorbente

Uno dei metodi più antichi e usati dai grower su piccola scala è la germinazione di semi di cannabis colla carta assorbente.

Per realizzarla, abbiamo bisogno di una carta assorbente piegata a metà che sarà il letto dei semi. Mettila all’interno di un recipiente opaco e bagnala spruzzando dell’acqua. Metti i semi sopra e coprili con un po’ di carta prima di bagnarli ancora una volta col polverizzatore. Chiudi il recipiente e lascialo in un posto tiepido fino a quando i semi avranno germinato. Quando le radici primarie saranno apparse, bisogna piantarli nel terreno di coltura selezionato.

how to germinate cannabis seeds - paper towel

In acqua

In realtà, non c’è nessun metodo più semplice di questo, anche se è più adatto ai coltivatori su piccola scala.

Basta immergere i tuoi semi in un bicchierino quasi pieno d’acqua e lasciarlo in un posto caldo e buio. Forse dovrai tornare in un paio di ore per assicurarti che non c’è nessun seme galleggiando. Se c’è, dagli un colpetto perché scenda. Aspetta un po’ fino all’apparizione delle radici primarie. Poi, piantali nel terreno scelto. E’ molto importante tener conto di quanto segue: se i semi non hanno germinato dopo 36 ore, è meglio tirarli fuori dall’acqua e lasciarli asciugare in una carta assorbente al fine di evitare che anneghino e poter, forse, usarli in futuro.

how to germinate cannabis seeds - water soak

Plug, cubetti di lana di roccia e dischetti di torba

Il processo di germinazione in questi 3 substrati di coltura iniziali è sostanzialmente identico e possono essere usati pure in coltivazioni su vasta scala. In alcuni casi però, bisognerà agire con prudenza.

how to germinate cannabis seeds - cubes pellets

PLUG

La versatilità è la chiave di questo germinatore che è compatibile con qualsiasi tipo di terreno o stilo di coltura a essere usato durante il processo di crescita. I plug sono stati creati al fine di rendere il processo di germinazione ancora più facile. Questo è possibile non solo perché la loro struttura morbida conserva molto bene l’umidità, ma anche perché sono normalmente composti da materiali biologici di qualità massima, anche se sarà necessario assicurarsene.

Per iniziare il processo di germinazione, bisogna mettere il seme nel buco del plug. Poi, strappa un pezzo di torba e riempie il buco per coprire il seme. Finalmente, sistema i plug in un posto ideale per la germinazione oppure in un propagatore che gli fornisca la quantità di luce costante di cui hanno bisogno. Non dimenticare mai di monitorare i livelli di umidità mentre aspettiamo che la germinazione abbia luogo.

CUBETTI DI LANA DI ROCCIA

ATTENZIONE. La lana di roccia è un materiale pericoloso. Più o meno come colla fibra di vetro, la sua polvere può essere inspirata ma non espirata. Per di più, è irritante. Di conseguenza, l’uso di guanti e di maschere protettive sarà indubbiamente necessario quando la si maneggia.

La lana di roccia è un substrato inerte, adatto alla maggior parte di pratiche colturali, il che vuol dire che bisognerà bagnare i cubetti con l’acqua col pH regolato prima di usarli. Una volta bagnati e drenati, dobbiamo mettere il seme nel buco e coprirlo con un pezzetto di lana che avremo strappato dal cubetto prima. Finalmente, sistemeremo i cubetti in un propagatore sotto la sorgente di luce selezionata. Poi, non ci resterà altro che aspettare.

DISCHETTI DI TORBA

I dischetti di torba pressata e i plug sono molto similari quando si gonfiano. Il problema più grande dei dischetti di torba è che la torba non è un materiale sostenibile, ossia non è biologico.

I dischetti di torba sono completamente disidratati, motivo per cui bisogna bagnarli prima di utilizzarli. Una volta bagnati, possono gonfiarsi fino al doppio della loro dimensione. Poi, dobbiamo fare un piccolo buco centrale di circa 5 mm nella parte superiore del dischetto e inserire il seme lì, coperto da un pezzo di torba.

Il seme, direttamente nel substrato

Un’ora prima della semina, avrai bisogno di annaffiare il substrato scelto con acqua a pH regolato, se ce n’è bisogno. Con un dito, fai un buco di circa 12-19 cm di profondità e inserisci il seme. Per finire, il vaso dovrà essere sistemato in una zona calda sotto la fonte di luce selezionata. E, come con gli altri metodi, è molto importante monitorare i livelli di umidità.

Eppure ricordati che l’irrigazione eccessiva può portare al fallimento della germinazione. Inoltre, dobbiamo tener conto dei bisogni delle piantine: l’apporto di fertilizzanti non è necessario durante la loro prima settimana di vita, anche nel caso di substrati inerti quali il cocco oppure la lana di roccia. Questo è possibile perché il seme di marijuana fa uso delle sue proprie riserve di energia.

 

TORNA SU